Home > Creare una spada 2° Metodo
Creare una spada 2° Metodo
Materiali
  • Schiuma poliuretanica ad alta densita ed a cella chiusa spessa 6mm e 12mm*.
  • Tubo di fibra di vetro diametro esterno 12mm**.
  • Un piccolo pezzo di tessuto di cotone.
  • Adesivo da impatto (N.d.T.: l'originale inglese e' "Impact adhesive (Evo Stick)" )
  • Lattice
  • Vernici acriliche (argento, nero, marrone)
  • Pistola con colla in stick (quella che si scioglie con il caldo. Opzionale).
  • Tubazioni di acciaio (Opzionale)
  • Stucco per carrozzeria. Opzionale.

Strumenti:

  • Righello
  • Penna.
  • Sega da taglio.
  • Taglierino.
  • Saldatore (Opzionale).
  • Piccoli pennelli da pittura.
  • Alcuni vasetti di marmellata o simili.
(*) E' importante usare questo tipo di schiuma poliuretanica. Non usare in nessun caso della schiuma morbida!

(**) Le bacchette di fibre di vetro sono virtualmente indistruttibili e un'anima fatta con questo materiale e' leggera e resistente. Alcune persone usano fibra di carbonio per ottenere un'arma particolarmente leggera, ma la fibra di carbonio e' molto piu' costosa.

La costruzione inizia progettando la spada. Disegnane un modello in scala 1:1 su un foglio di giornale. Disegnarlo in scala e' importante perche' dei particolari che possono sembrare corretti in miniatura, potrebbero risultare errati quando vengono ingranditi.
Come esempio costruiremo una semplice spada bastarda. (Fig. 1).


Taglio dell'anima.
La prima cosa da fare e' portare l'anima alla lunghezza desiderata. Taglia un pezzo di fibra di vetro lungo 1000mm. Generalmente bisogna tagliare l'anima 50mm piu' corta della lunghezza finale della spada. Usa della carta vetrata a grana fine per levigare le estremita' dell'anima.
(Tagliare la fibra di vetro e' una cosa sgradevole perche' produce una polvere fine contenente vetro. E' consigliabile tagliare l'anima all'esterno oppure indossare una maschera per evitare di respirare la polvere.)

Bilanciamente dell'anima (Opzionale).
A questo punto e' meglio bilanciare la spada. Prendi un tubo metallico con un diametro interno leggermente superiore a quello dell'anima, in modo da potercela infilare.
Taglia un pezzo di tubo lungo 100mm ed elimina ogni parte tagliente. Pulisci il tubo usando dell'alcool (sia dentro che fuori) per assicurare l'assenza di grasso. Prepara un po' di stucco da carrozzeria e mettilo dentro il tubo. Ora infila l'anima dentro il tubo girandolo in modo che lo stucco venga disposto uniformemente sull'anima. Elimina l'eccesso di stucco. Attendi che si indurisca e passa l'insieme tubo/anima con della cartavetro (Fig. 2).

 

Preparare la base:
Il primo passo e' preparare i pezzi di schiuma necessari alla realizzazione della lama. Taglia due pezzi di schiuma di 60mm X 770mm dal foglio spesso 6mm e un pezzo di 60mm X 770mm dal foglio spesso 12mm (Fig. 3).


Dal pezzo spesso 12mm taglia una striscia larga 12mm dal centro lasciando 35mm dalla punta della spada (Fig. 4).

Ora costruiamo la base. Prendi i 3 pezzi di schiuma e l'anima. Alla fine dovranno essere assemblati come nel disegno sottostante (Fig. 5).

Rinforzo per la punta.
Questa parte e' spesso saltata da chi realizza spade per la prima volta, ma e' la piu' importante.
Prendi del tessuto di cotone e tagliane 2 pezzi quadrati di circa 35mm di lato. Imbevili di colla e lasciali asciugare.

Nei due pezzi di schiuma ricavati dai fogli da 6mm traccia una linea alla distanza di 35mm dalla fine come mostrato. Prendi i due pezzi di cotone e incollali sui due fogli usando molta colla. Nota come il pezzo di tessuto e' posizionato con un angolo di 45 gradi rispetto l'anima e non termina oltre la fine del pezzo di schiuma (Fig 6).

 

Incolla uno dei fogli da 6mm con il tessuto a quello da 12mm. Ora incolla l'anima nel canale centrale. Spandi bene la colla contro le pareti del canale e sull'anima stessa. Se hai la pistola a caldo per la colla posiziona l'anima in modo da lasciare uno spazio di 2-3mm alla fine, altrimenti assicurati che sia inserita completamente nel canale.
Con la pistola per la colla riempi lo spazio appena lasciato. Questo permette di rendere piu' flessibile la parte terminale dell'anima allungando la durata della spada.
Ora devi incollare l'altro foglio da 6mm con il tessuto in modo che ancora il cotone sia verso l'interno. Dovresti ottenere qualcosa somigliante a una mazza da cricket (Fig.8). Lascia asciugare una notte intera.

Rifinitura della spada.
Ora disegna la forma della spada. La spada sara' larga 50mm, quindi traccia due linee a 25mm dal centro del sandwich di schiuma. Cerca la fine dell'anima schiacciando o in controluce. Traccia una linea al termine dell'anima e un'altra a 25mm di distanza. Nel cercare la fine dell'anima, onde evitare di danneggiare la spada, evita di premere il sandwich dall'inizio. Per fare un disegno simmetrico e' meglio avvalersi di un modello su carta (Fig 9).

Ora, con un taglierino affilato taglia la spada. Dovresi avere qualcosa che sembri una spada vista dall'alto (Fig. 10).

L'affilatura e' probabilmente la parte piu' difficile nella creazione di una spada (e di ogni arma affilata). Il segreto e' fare le cose con calma e usare un coltello/taglierino affilato.

Tracciatura:
Come prima cosa traccia una linea nel centro della spada dove vuoi che si formi il filo della lama. Penso sia meglio tracciarne due molto vicine (circa 1mm di distanza): in questo modo il lattice viene meglio depositato sulla spada e comunque lo spessore di 1mm non si nota nella spada finita. Inoltre consente di verificare che la lama sia dritta (Fig. 11).

Il passo successivo e' quello di tracciare due linee su entrambi i lati della spada. Traccia le linee abbastanza lontano dal bordo della spada: piu' saranno vicine al centro e migliore risultera' la spada. Lo svantaggio e' che se le linee vengono tracciate troppo vicine al centro risultera' piu' difficile tagliare la lama e delle piccole imperfezioni saranno piu' evidenti.
Credo che un buon compromesso sia tracciare le lineee 20mm dal bordo della spada (lasciando uno spazio di 10mm fra le due linee).
[Questa misura presuppone una spada spessa 24mm. Se la spada e' di spessore diverso dovrai correggere le distanze di conseguenza. Una formula generale e' questa: (Fig. 13).]

1.67 X Distanza dal centro al bordo dello spessore della spada (A) = Distanza dal bordo della spada (B).

 

Taglio
Ora prendi un taglierino affilato. Non usare quello adoperato fino ad ora, ma prendine uno nuovo. Mettiti in un posto illuminato e lavora con calma. Cerca di tagliare la lama con un solo passaggio ed evita di usare il coltello come una sega altrimenti produrresti una spada con la lama seghettata.
La tua prima lama sara' sicuramente frastagliata, ma non ti scoraggiare: tagliare la lama richiede pratica e un preciso tracciamento delle linee. Usa della cartavetro molto fine per correggere le imperfezioni. Ora dovresti avere la spada finita (Fig. 14).

 

Il metodo "Ripper".
Un modo alternativo di tagliare la lama con un taglierino consiste nell'usare il metodo "Ripper" .Questo metodo e' piu' rozzo, ma e' piu' veloce di quello descritto sopra.
Devi usare un trapano elettrico con una punta per levigare (hanno la sembianza di un cilindro di spugna la cui superficie e' come cartavetro), una grossa morsa e un tavolo da lavoro all'esterno o anche all'interno, ma nel secondo caso producendo molta polvere, si sporchera' molto. Inoltre e' meglio indossare mascherina e occhiali per evitare che la polvere finisca negli occhi o nei polmoni.

Blocca il trapano nella morsa in modo che la punta sporga dal bordo del tavolo e il pulsante di accensione sia accessibile. Accendi il trapano e dai forma alla lama tenendola ben salda e muovendola perpendicolarmente all'asse del trapano nella direzione OPPOSTA a quella di rotazione della punta. Ad ogni passata deve essere levigata l'intera lama meno la piccola parte della punta. Lavora ogni parte della lama lentamente e con molta attenzione: la punta leviga la schiuma a velocita' molto alta e una pressione troppo elevata potrebbe essere disastrosa. Il passaggio della spada deve essere uniforme e una piccola esitazione puo' essere dannosa. Quando la lama e' completamente formata, lavora la punta della spada premendo leggermente sulla punta del trapano e lavorando nella direzione di rotazione per evitare che la punta venga trascinata e rovinata.

Questo metodo richiede un po' di pratica, ma una volta ottenuta e' possibile lavorare le spade molto piu' velocemente, anche se il filo della spada e' realizzato con poca precisione. E' ovvio che lavorando con un trapano bisogna prendere le dovute precauzioni e soprattutto bisogna tenere conto delle proprie dita dato che saranno molto vicine alla punta per levigare...

Ci sono vari modi per realizzare il paramano. La scelta del metodo dipende per certi versi dal design della spada, ma in generale sono tutti validi.

Metodo 1 - Il sandwich di schiuma:
Questo e' il metodo da me usato. E' esattamente uguale a quello con cui si fabbrica la lama. Vanno ricavati tre pezzi di schiuma e bisogna tracciare un foro nel centro di uno strato prima di incollarli. Taglia la schiuma in modo che la giunzione fra il paramano e la lama sia precisa, ma lascia della schiuma in eccesso intorno agli altri lati (Fig. 15).

Una volata che la schiuma e' incollata al suo posto, disegna la forma del paramano (Fig. 16).

 

Taglia con attenzione il paramano. Dovresti ora avere una spada simile a quella qui sotto (Fig. 17).

 

Per rendere piu' spesso il paramano puoi usare tre fogli di schiuma da 12 mm anziche' uno da 12mm e due da 6mm.

Metodo 2 - Il monoblocco:
Con questo metodo l'intero paramano e' creato da un singolo pezzo spesso di schiuma (25mm). Prendi un pezzo di schiuma abbastanza largo da ricavarci il paramano (esso e' creato separatamente dal resto della spada)(Fig. 18).

Disegna il paramano come mostrato sotto (Fig. 19).

Ona volta scolpito, taglia a meta' il paramano come da figura (Fig. 20).

Un solco deve essere ricavato su ogni parte del paramano. I due pezzi dovranno essere incollati sull'anima della spada. Dovresti avere una spada come quella qui sotto (Fig. 21).

Metodo 3 - Il foglio singolo:
Questo metodo non e' adatto per questa spada in particolare, ma puo' ritornare utile nel caso di spade da design orientale, le quali tendono ad avere paramani molto piccoli.
Un singolo pezzo di schiuma (di solito 12mm) va tagliato nella forma desiderata. Una volta fatto un buco al centro il paramano va infilato nell'anima per metterlo in posizione.

Il metodo sopra descritto va usato solo se non si e' bilanciato l'anima.

Questo metodo e' esattamente lo stesso usato per la lama. Tre pezzi di schiuma vanno tagliati e va fatto un buco nel centro prima che siano incollati inseme per formare il sandwich. Effettua il taglio lasciando abbastaza materiale nei bordi. (Fig. 22).

Una volta che i pezzi sono incollati insieme disegna la forma del pomello (Fig. 23).

Taglia con molta attenzione il pomello. La spada dovrebbe essere come nel disegno qui sotto (Fig. 24).

Per fare un pomello piu' spesso della lama usa tre fogli da 12mm anziche' uno da 12mm e due da 6mm.
Un modo alternativo e' fare pomelli cilindrici in asse con l'anima della spada. Basta arrotolare delle striscie dallo spessore di 6mm alla base dell'anima fino a formare un cilindro. Quindi, una volta resa uniforme la superficie, ripeti il procedimento con una striscia da 12mm incollandola al cilindro appena costruito e arrotolandola fino a raggiungere lo spessore voluto.

Se vuoi una spada senza colori o decorazioni non e' necessario che tu legga questo paragrafo. Pero' la maggior parte delle spade ha qualche tipo di decorazione e ci sono molti modi per realizzarle.

Scolpitura.
Ci sono molti modi per realizzare delle decorazioni scolpite nel paramano e nel pomello. Il metodo piu' ovvio e' usare un coltello o un taglierino, ma un saldatore e' uno strumento eccellente per sciogliere il materiale creando figure sulla parte da decorare (quando usi un saldatore evita di respirare i fumi che vengono creati perche' sono tossici). Un piccolo trapano da modellismo puo' essere usato per rendere liscia la superficie.


Aggiunta di materiale.
Il metodo alternativo per creare decorazioni e' quello di aggiungere pezzi di materiale nella parte da decorare. I disegni possono essere ricavati incollando piccoli pezzi di schiuma o pezzi di lattice asciutto. Un altro metodo consiste nell'usare la pistola con colla calda per tracciare linee e punti di colla fino a formare un disegno.

L'ultimo passo prima di rivestire di lattice la spada e' realizzare l'impugnatura. Non esiste nessuna regola su quando debba essere dura o grossa, perche' dipende dalla grandezza della tua mano e dalle tue preferenze. Ritengo che la maggior parte dei costruttori di spade faccia delle impugnature troppo piccole che portano ad una estrema scomodita' quando la spada viene usata.
Ci sono due modi per fare l'impugnatura. Il primo consiste nell'incollare dei fogli di schiuma, arrotolandoli fino a raggiungere lo spessore desiderato. Verra' realizzato una buona impugnatura anche se potrebbe risultare troppo soffice specie se la si vuole molto sottile.

Il secondo metodo produce un'impugnatura piu' resistente: sull'anima della spada arrotola un filo di plastica (quello per stendere la biancheria va benissimo). Prima di iniziare metti del nastro biadesivo sull'anima per assicurarti che il filo non si muova. Se hai bilanciato la spada con il tubo metallico, il filo puo' essere usato per rendere uniforme lo spessore dell'impugnatura.

Ora, per rendere piu' confortevole l'impugnatura e permettere un migliore controllo dell'arma, avvolgi il filo con uno strato di schiuma fino a raggiungere lo spessore desiderato.

Infine metti uno strato di nastro resistente (N.d.T: l'originale inglese e' "gaffer tape"): questo evita che la schiuma si usuri. La spada dovrebbe essere come in Fig.25, pronta per essere rivestita di lattice.

Un altro metodo per creare un'impugnatura che io sconsiglio, consiste nell'usare un tubo di plastica. Una volta fatti due buchi alle estremita', andra' fissato con due viti sull'anima prima che venga costruito il pomello. Questo metodo e' veloce, ma l'impugnatura risultante e' stretta e poco comoda. Inoltre l'averla fissata con delle viti all'anima crea un punto debole nell'arma proprio davanti alla mano dove lo stress indotto dall'uso nei materiali e' massimo (cioe' nel punto in cui e' piu' probabile che la spada si rompa).

Prima di iniziare a stendere il lattice, la prima cosa da fare e' assicurarsi di avere un posto dove poter mettere la spada ad asciugare. Un modo puo' essere passare un filo intorno all'impugnatura e attacare l'altra estremita ad un filo per stendere la biancheria. Io possiedo un vecchio supporto recuperato in un laboratorio di chimica ed e' l'ideale per fare asciugare le armi.
Stesura del lattice.
E' meglio lavorare in una zona ben ventilata. La mistura di vapori emessi dal lattice puo essere molto nociva. Assicurati di eseguire delle passate uniformi e di non lasciare segni del pennello sullo strato di lattice in parti quali la lama: facendo passate lunghe tutta la spada si dovrebbe minimizzare il problema.
Non usare pennelli troppo grossi. Penso che i pennelli per bambini piccoli siano della giusta misura per la maggior parte delle dimensioni, ma questo non vieta di usare pennelli piu' grossi (di 1,5 cm di larghezza) per aree piu' estese.

Per iniziare stendi quattro strati di lattice su tutta la spada lasciando asciugare completamente prima di applicare un altro strato. Fai attenzione a evitare che si formino cumuli di lattice nelle fessure quali i punti di giunzione (es. dove la lama si unisce con l'elsa). Per riconoscere dove e' gia' stato messo il lattice e' possibile usare del colore di fondo nel lattice. Non e' essenziale, ma puo' essere utile. Se stai costruendo piu' spade fai attenzione a non farle toccare, altrimenti si fonderebbero definitivamente!

Applica quindi due ulteriori strati di lattice colorato su tutta l'arma. Io solitamente uso il grigio per questi strati.

Il passo successivo consiste nell'applicare altri 2 strati. Ora puoi iniziare a rivestire separatamente la lama dall'elsa a seconda del loro colore. Con queste passate dovresti ottenere un'idea di massima di come dovrebbero essere i colori nella spada finita.
Non e' richiesta una grande precisione, ma una buona approssimazione facilitera' la stesura degli strati finali. Solitamente uso il grigio su zone che saranno argentate e il nero o il marrone su zone che saranno di color oro, rame o bronzo (effetto "legno").

Le tre passate finali saranno del colore definitivo. Generalmente argento per la lama e di altri colori per l'elsa. Se usi due o piu' colori, applicali in ordine dal piu' chiaro al piu' scuro. Questo perche' cosi' si evitera' di vedere una netta separazione fra i due colori e perche' i colori scuri coprono meglio quelli chiari di quanto quelli chiari facciano con quelli scuri.

Colorazione del lattice.
Coloranti per lattice.
Questo tipo di coloranti e' apposta per il lattice e diluiti al 5% creano degli ottimi colori. Sarebbero perfetti se venissero trovati tutti i colori desiderati, ma non ho ancora visto colori metallici.
Vernici.
Qualsiasi vernice solubile in acqua puo' essere usata per colorare il lattice. Vernici semiliquide quali quelle per i muri possono essere mischiate direttamente nel lattice. Vernici piu' dense, come quelle acriliche, devono essere prima mischiate con dell'ammoniaca o non si scioglieranno correttamente nel lattice.
Colori acrilici

I colori acrilici sono, secondo la mia esperienza, abbastanza buoni. I colori metallici tendono a non rendere come altri tipi di colori.

Flexithane.

Questa e' una vernice creata appositamente per creare un rivestimento con un polimero flessibile e possono essere applicate direttamente sul lattice. L'argento e' molto realistico, ma non so dare opinioni su altri colori. Se pensi di usare queste vernici lavora all'esterno perche' hanno un forte odore e sono molto tossiche. Il difetto principale e' che si trova in latte da 1 litro.

Liquitex.

Questa e' una vernice speciale che si puo' trovare in negozi di belle arti. Non l'ho mai usata, ma ho sentito di gente che ne parlava molto bene.

Vernici per miniature.

Penso che siano abbastanza buone per i colori metallici e solo alcune persone le usano. Le migliori ritengo siano quelle della Citadel.

Altre acriliche.

Qualsiasi altra vernice a base di acqua troverai, provala. Puo' valerne la pena.

Vernice "Poster" (Orgininale inglese "poster paint" N.d.T.)

Queste sono generalmente utili solo per colorare i primi strati del lattice. Possono essere usate per segnare dove si e' gia' passati con il lattice.

Vernici elastiche (Libera traduzione. Originale inglese "Stretchi Paint". N.d.T.)

Questa e' una vernice speciale a base di acqua che non e' mischiata con lattice sebbene sia progettata per essevi messa sopra. L'ho provata recentemente e ho ottenuto delle ottime finiture. I colori includono l'oro, il bronzo e il nero. Il color oro e quello bronzo di questo tipo risolvono il problema descritto al paragrafo successivo. A quanto ne so non esiste il color argento.

Qualche parola sui pigmenti.
Evita di usare dei colori i quali pigmenti contengono rame, perche' i pigmenti a base di rame fanno marcire il lattice. Le vernici dovrebbero elencare gli ingredienti sull'etichetta e non dovrebbe essere difficile controllare se contengono i pigmenti incriminati. I colori che solitamente li contengono sono l'oro, il rame, il bronzo, l'ottone e simili. Anche se difficile, e' possibile trovare i colori elencati senza pigmenti a base di rame.
Ispessitore per il lattice?
Personalmente non uso ispessitori perche' trovo che stendendo molti strati fini la spada e' meglio rifinita che con pochi strati spessi.
Evidenzatura
Se possiedi un aerografo lo puoi usare per evidenziare la spada. Molte persona usano il nero, ma e' molto meglio usare un color argento molto scuro (mischiato con il nero). Usa il colore senza mischiarlo con il lattice perche' e' molto difficile da usare con l'aerografo (ed e' molto peggio quando si tenta di pulire un ugello tappato). Per aerografare con il lattice e' necessario possedere uno spruzzatore industriale.
Smalti
Alcune persone smaltano le armi. E' vero che elimina l'aspetto "gommoso" dell'arma, ma le dona un'aria "plasticosa". Se desideri usare degli smalti per aerografo deponi degli strati molto sottili. Ho visto delle armi con uno strato di smalto talmente spesso che era impossibile fletterle e, una volta che ricevevano dei colpi nei lati presentavano delle crepe che formavano delle "simpatiche" ragnatele sulla superficie.
Un prodotto alternativo e' il Flexithane. Esso da una finitura flessibile quindi non si ha il problema delle crepe, inoltre l'arma non risulta troppo luminosa. Ho iniziato ad usare questo sistema da poco e trovo sia il migliore.

Un altro prodotto e' l'Isoflex. Il preparatore speciale per l'Isoflex (non la vernice) lo si puo' trovare nelle ferramente. Non l'ho mai usato, ma sembra che sia ottimo e doni una finitura dura e lucida.

Sia il Flexithane che l'Isoflex emanano dei vapori molto nocivi.

Pulizia dei pennelli.
Il lattice non e' solubile nell'acqua una volta asciugato e per questo e' importante pulire i pennelli subito dopo l'uso. Risciacqua i pennelli in acqua calda (ma non bollente) e usa molto detergente per rimuovere il lattice. Per togliere anche i residui piu' tenaci, lascia i pennelli immersi in un liquido dal nome "PolyClens" tutta la notte. Esso fa marcire il lattice e lo fa galleggiare. Una volta eliminato, usa molto detergente per eliminare sia il PolyClens dal pennello che gli ultimi residui di lattice.
Il Flexithane e' virtualmente impossibile da eliminare dai pennelli. Acqua, detergenti, pulitori per pennelli, trementina, petrolio e paraffina sono inefficaci. PolyClens e un pennello con setole metalliche rendono il pennello riutilizzabile. L'Isoflex e' ugualmente intrattabile.

Talco
Una volta che lo strato finale di lattice si e' asciugato, spolvera la spada con del talco in polvere. Questo rimuovera' il residuo di appiccicosita' ed evitera' che la spada si attacchi a tutti. Se hai smaltato la spada il talco non e' essenziale, ma e' comunque una buona idea.


Spray siliconico (sigillante).
E' un'alternativa al talco. Non rende la spada opaca come il talco ma a volte l'arma sembra unta.
L'impugnatura.
L'ultima operazione da compiere e' rivestire l'impugnatura con del cuoio. Non farti tentare dall'usare del cuoio sintetico perche' puo' diventare estremante sudato e appiccicaticcio. Il cuoio puo' essere incollato o cucito.

Commenti


Potete inserire qui tutti i commenti relativi a questa pagina. I commenti potranno essere moderati se non ritenuti consoni alla netiquette del sito e del form del GLN. Per malfunzionamenti o segnalazioni scrivete a: info@gruppolucenera.net
Nessun commento presente

Inserisci un commento


Per inserire un commento alla pagina riempire il seguente form.
 
E-Mail:  
Password:  
Non ho la chiave!  REGISTRAMI!
Non mi ricordo la password!
NEWS
Terza e ultima riunione pre-live
Forza ragazzi! Ci siamo quasi! Chi ancora manca si ricordi che c'è ancora a disposizione l'ultima riunione pre-live che a differenza del solito sarà di lunedì e non di domenica come al solito per cui a PASQUETTA dalle 22.00 in poi come sempre a TRAVALLE attenderemo tutti voi per mangiare un pò d'ovo tutti insieme!!!
17/04/2014 - 23.34
Seconda Riunione Pre-LIve
Eccoci! Siamo al momento decisivo. Domenica si terrà la seconda riunione pre-live che sarà determinante per capire se questo evento prenderà davvero vita oppure se dovremmo metterlo in tasca e tirarlo fuori poi in autunno. Si chiede la partecipazione massima di tutti i giocatori e con loro le proprie certezze. Quindi vi attendiamo numerosi Domenica 13 Aprile dalle 22.00 in poi al Pub di Travalle.
10/04/2014 - 20.08
Prima Riunione Pre-Live
Domenica 6 Aprile si terrà la prima riunione pre-live come sempre dalle 22.00 in poi presso il Pub di Travalle. Siete pregati di accorrere numerosi a confermare la propria presenza così che i master possano creare per voi meravigliose avventure.
06/04/2014 - 11.54
Risparmia al Live!
Per questo evento, e solo per questo, ai primi 10 giocatori che ci presenteranno un amico che non ha mai partecipato a un live GLN sarà effettuato uno sconto sulla partecipazione. La sua quota d'iscrizione, come quella del nuovo giocatore, sarà di 100 euro invece dei classici 130. Per info scrivete nell'apposito post, chiedete ai master o scrivete alla solita mail: info@gruppolucenera.net
26/03/2014 - 18.06
RIUNIONE POST LIVE
Forza ragazzi! Accorrete numerosi! Domenica sera a Travalle come sempre alle 22.00 si aggiorna le schede di chi è sopravvissuto a questo epico evento e si brinda a chi invece proprio qui ci ha salutato. Potremo parlare e bere per ore e ore di questi giorni meravigliosi che ahimè son terminati.
06/03/2014 - 21.28
TERZA E ULTIMA RIUNIONE PRE-LIVE
Come sempre giunge implacabile anche l'ultima riunione. Con gl'ultimi iscritti, chi deve pagare la quota e chi deve fugare dei dubbi. Non c'è problema! Siamo li per voi, siamo li per il live! Vi attendiamo stasera a Travalle per la terza e ultima riunione prima di questo evento. Se avete già regolarizzato tutto quanto...venitevi a fa' 'na birra!
16/02/2014 - 13.51
SECONDA RIUNIONE PRE-LIVE
Ragazzi domenica come già sapete da news letter ci sarà la classica riunione pre-live. Vi ricordo che, dopo quella fatta prima della cena associativa, siamo già alla seconda e pertanto di partecipare numerosi. Come sempre alle 22.00 il ritrovo, come sempre al Pub di Travalle. Per l'occasione saranno portati anche tutti gl 'oggetti sequestrati nel corso dei live e che avete potuto riconoscere nell'apposito post.
08/02/2014 - 13.10
12345...
GruppoLuceNera GLN è un'associazione senza scopo di lucro con l'obbiettivo di promuovere il gioco di ruolo dal vivo ed il fantasy.
Per Informazioni: info@gruppolucenera.net
Copyright © 2009 - 2014 GLN e GruppoLuceNera. Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione.
Seguici tramite

Twitter ed RSS
POWERED BY